Accessibilità :  ::  A+  ::  A-  ::  A  ::  N  ::  H  ::  O  

Albo Pretorio e Pubblicazioni di Matrimonio


Il servizio di E-government consente la consultazione on-line dell'Albo Pretorio, delle Pubblicazioni di Matrimonio ed Amministrazione Trasparente con le pubblicazioni dal 1/06/2017

► Albo Pretorio On-line ed Amministrazione Trasparente

► Pubblicazioni di Matrimonio

Il Comune


Calcolo IMU - TASI


 

Cerca nel sito




Ti trovi in : Home > Servizi al Cittadino > Rinuncia, smarrimento, ritrovamento e adozione cani

Rinuncia, smarrimento, ritrovamento e adozione cani

Dove andare, come fare e i documenti che servono

E' vietato abbandonare i cani custoditi nella propria residenza o domicilio.
L'abbandono ed il maltrattamento costituiscono reati penali.
La rinuncia alla custodia del cane di cui si abbia il possesso comporta l'obbligo di consegna al ricovero competente per territorio con la sottoscrizione di dichiarazione di rinuncia.
La dichiarazione è trasmessa dalla struttura di ricovero agli Uffici dell'anagrafe canina per la trascrizione nella scheda anagrafica. A seguito di rinuncia, il cane può essere ceduto a terzi dal Ricovero che lo custodisce.

Le strutture comunali di ricovero:

in presenza di tatuaggio, notificano il ritrovamento al proprietario che provvede al ritiro, dietro pagamento delle spese di cattura, mantenimento e cura;
in assenza di ritiro o in caso di rinuncia alla proprietà per mancato reclamo dal titolare entro sessanta giorni dalla cattura si verifica l'ipotesi di abbandono ed il cane, previa profilassi, sterilizzazione e tatuaggio, può essere ceduto a privati che diano garanzie di buon trattamento o ad Associazioni di protezione animale. In mancanza di tatuaggio, lo stesso è apposto gratuitamente da medici veterinari dell' A.S.L. 8 Aretina, Settore Veterinario, o da medici veterinari liberi professionisti convenzionati con detto settore. Il privato, all'atto dell'adozione,  deve sottoscrivere un modulo nel quale accetti eventuali controlli effettuati dalle guardie zoofile;
entro sessanta giorni dalla cattura possono disporre l'affido temporaneo dei cani catturati alle Associazioni ed Enti di protezione animale, cooperative zoofile, Enti il cui statuto preveda precipui compiti di protezione animali;
non possono dare in affido od adozione i cani a coloro che abbiano riportato condanne per maltrattamenti ad animali. 

 I Comuni possono contribuire, a richiesta, al mantenimento degli animali adottati da privati cittadini, presenti nelle strutture da più di sei mesi e di età pari o superiore ad anni due. 
I detentori sono tenuti a sottoporre gli animali a visite periodiche presso l'A.S.L. 8 Aretina - Settore Veterinario - o presso veterinari con essa convenzionati al fine di controllarne le condizioni di benessere. In mancanza di tali visite ed in presenza di accertati maltrattamenti l'animale è ripreso dalle strutture di provenienza.

Le associazioni di protezione animale, le cooperative zoofile e gli altri enti pubblici e privati di protezione animale, possono proporre ai Servizi Veterinari dell' A.S.L., il riconoscimento di singoli cani di quartiere, ovverosia di cani liberi in ambiti circoscritti della città, che non siano classificati pericolosi da scheda sanitaria, assumendone la responsabilità e la gestione.
Le condizioni per il riconoscimento della qualifica di cane di quartiere, sono individuate dal Servizio Veterinario dell' A.S.L., in accordo alle Associazioni e gli Enti di protezione animale.

In particolare le condizioni di salute dei cani devono risultare conformi alle norme generali di polizia veterinaria atte ad impedire la diffusione di malattie infettive.
Vaccinazione, sorveglianza e sterilizzazione sono garantiti dai Servizi Veterinari dell' A.S.L. o da un medico veterinario libero professionista ad essa convenzionato ovvero indicato dalle Associazioni e dagli Enti di protezione animale.

Divieti di accesso ai cani:

negli spazi riservati al gioco dei bambini o annessi alle scuole; 
nei mercati rionali al minuto;
nei locali di produzione, confezione, deposito, vendita all'ingrosso di generi alimentari; 
nei punti vendita al dettaglio di generi alimentari, ristoranti, bar, alberghi (a discrezione del titolare);
nei cimiteri. 

‹ Prec. Pros. ›

Unione dei comuni del Pratomagno  Provincia di Arezzo   Regione Toscana

www.comune.castiglionfibocchi.ar.it - Sito web del Comune di Castiglion Fibocchi (Arezzo)
52029 Piazza municipio,1 - Tel 057547484 - Fax 057547516 - Piva : 00284440518