Accessibilità :  ::  A+  ::  A-  ::  A  ::  N  ::  H  ::  O  

Albo Pretorio e Pubblicazioni di Matrimonio


Il servizio di E-government consente la consultazione on-line dell'Albo Pretorio, delle Pubblicazioni di Matrimonio ed Amministrazione Trasparente con le pubblicazioni dal 1/06/2017

► Albo Pretorio On-line ed Amministrazione Trasparente

► Pubblicazioni di Matrimonio

Il Comune


Calcolo IMU - TASI


 

  Se vuoi segnalare un caso di corruzione clicca qui

Cerca nel sito




Ti trovi in : Home > Servizi al Cittadino > Detenzione dei cani in città

Detenzione dei cani in città

Dove andare, come fare e i documenti che servono

Tenuto conto che le norme del regolamento condominiale non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino (art.1138 c.c.), la detenzione degli animali nelle parti esclusive del condominio è consentita con le seguenti modalità:

 - in caso di regolamento condominiale di tipo contrattuale precostituito dal costruttore o dall'originario unico proprietario dell'intero edificio, le norme che vietino la tenuta degli animali nell'appartamento devono essere espressamente rifiutate nel contratto di acquisto o di locazione;

 - in caso di regolamento condominiale di tipo assembleare le norme che vietino la tenuta degli animali nell'appartamento devono essere adottate all'unanimità per essere vincolanti.

Nelle abitazioni i detentori devono assicurare che i cani non determinino inconvenienti igienici né disturbino, altrimenti potranno essere allontanati.

Nelle abitazioni è vietata la detenzione di cani che disturbino con insistenti e prolungati latrati, con guaiti ed in altro modo, specialmente durante la notte, la pubblica quiete o presentino pericolo per la pubblica incolumità, per l'ordine e per il decoro.

In caso di permanenza, anche momentanea, di cani su balconi, terrazzi e simili, i proprietari devono evitare che eventuali lordure rechino danno o molestia ai passanti e agli inquilini dei piani inferiori.

Nei luoghi o località private accessibili al pubblico è consentita, in alternativa alla museruola, la detenzione del cane alla catena.

Compiti di vigilanza sono svolti dalla A.S.L. 8 Arezzo - Settore Veterinario - e dal Comune - Direzione di Polizia Municipale, Ambiente - i cui agenti sono incaricati di accertare l'osservanza delle norme di legge e dei regolamenti presso i proprietari o detentori di cani e di diffidarli ad allontanare gli animali stessi o a metterli in condizione di non disturbare.

Qualora, malgrado la diffida, il disturbo continui a verificarsi, il Comune di Subbiano - mediante gli uffici preposti - ordina il sequestro degli animali ed il loro ricovero a spese del contravventore.

I cani da guardia possono essere tenuti liberi entro i limiti dei luoghi o proprietà private da sorvegliare purché non accessibili al pubblico. Nel caso gli anzidetti luoghi siano accessibili al pubblico deve essere posto un cartello di avvertimento e gli animali devono essere muniti di museruola o tenuti a catena fissa e custoditi comunque in modo da non recare danno o molestia.

Non è consentito utilizzare una catena di misura inferiore a m. 4. Il terminale della stessa deve essere fissato ad un cavo aereo tale da evitare al cane di rimanere impigliato. Al cane tenuto a catena deve essere consentito di raggiungere il contenitore dell' acqua ed un riparo per proteggersi dalle intemperie, rialzato al suolo e coperto da almeno tre lati. 

Le recinzioni della proprietà privata confinante con la strada o con altre proprietà private, devono essere costruite e conservate in modo tale da evitare che il cane possa scavalcarle, superarle con la testa e possa mordere chi si trovi sulla strada o in altra proprietà.

‹ Prec. Pros. ›

Unione dei comuni del Pratomagno  Provincia di Arezzo   Regione Toscana

www.comune.castiglionfibocchi.ar.it - Sito web del Comune di Castiglion Fibocchi (Arezzo)
52029 Piazza municipio,1 - Tel 057547484 - Fax 057547516 - Piva : 00284440518